Login
 
Collegamenti
 chiedi un preventivo Riduci




Invia

 

 Stampa   
 
   Riduci

La Finanziaria 2007

Legge dello Stato 27 dicembre 2006 n. 296
Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato
Gazzetta ufficiale 27/12/2006 n. 299

Risparmi energetici e d’imposta

Introdotta dalla Finanziaria 2007 una detrazione per le spese sostenute al fine di conseguire risparmi energetici nonché per l’utilizzo di fonti alternative di energia nelle abitazioni.
In sede di dichiarazione, i contribuenti potranno ottenere uno sgravio dall’imposta lorda, per un importo compreso tra 30mila e 100mila euro, in relazione alle spese effettuate nel 2007, per lavori di riqualificazione energetica di edifici esistenti, per pavimenti e infissi, e per l’installazione di pannelli solari, sia a uso industriale che domestico.
L’agevolazione spetta, sempre a fronte di spese sostenute entro il 31 dicembre 2007, anche per i lavori eseguiti per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, istituti scolastici e università, case di cura e di ricovero, nonché per interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a compensazione.

Più nello specifico, per le spese di riqualificazione energetica di edifici esistenti, che conseguono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20 per cento, rispetto ai valori riportati nell’allegato C, numero 1), tabella 1, annesso al Dlgs 192/2005, spetta una detrazione pari al 55 per cento degli importi rimasti a carico, fino a un valore massimo della detrazione di 100mila euro, da ripartire in tre quote annuali di pari importo (comma 344).

Stessa percentuale di detrazione, ma con limite massimo pari a 60mila euro, da ripartirsi in tre quote annuali uguali, per gli interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, a condizione che siano rispettati i requisiti di trasmittanza termica U, specificati in allegato alla stessa Finanziaria (comma 345).

Per ciò che concerne, invece, l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università, compete una detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 55 per cento degli importi rimasti a carico, fino a un valore massimo della detrazione di 60mila euro, da ripartirsi in tre quote annuali di pari importo (comma 346).

Medesime regole per quanto riguarda gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione, ma in questo caso la detrazione del 55 per cento della spesa ha un importo massimo di 30mila euro (comma 347).

Infine, per ciò che concerne le regole per poter accedere ai menzionati benefici fiscali, il comma 348 rinvia a quanto disposto dall’articolo 1 della legge 449/1997, in tema di detrazione delle spese edilizie. Dunque, sarà necessario il pagamento con bonifico bancario e inviare la comunicazione. Inoltre, le detrazioni sono subordinate all’asseverazione di un tecnico, che ne risponde sia civilmente che penalmente, circa l’effettiva corrispondenza dell’intervento ai requisiti normativi, nonché a un “attestato di qualificazione energetica”.

 

Detrazioni per la sostituzione di frigoriferi e congelatori e per l'acquisto e l'installazione di motori a elevata efficienza di potenza elettrica

Il legislatore, nella elaborazione dei contenuti della legge finanziaria del 2007, ha accentuato la propria attenzione sulla necessità di prevedere agevolazioni fiscali rivolte a ottenere un risparmio energetico. Tale indirizzo deriva tanto dalla necessità di diminuire le importazioni di energia, particolarmente gravose per la bilancia commerciale del Paese, quanto da quella di abbassare il livello di inquinamento atmosferico, favorendo la installazione di sistemi che consentano una maggiore efficienza nei consumi.

A tal fine, la Finanziaria 2007 ha previsto i seguenti incentivi:

1. Interventi volti a conseguire una maggiore efficienza energetica per l'illuminazione
Il comma 354 della legge prevede la ulteriore deduzione del 36 per cento dal reddito d'impresa, dei seguenti costi sostenuti:

  • per la sostituzione negli ambienti interni di apparecchi di illuminazione con altri che consentano un risparmio energetico di almeno il 60 per cento
  • per la sostituzione negli ambienti interni di lampade a incandescenza con lampade fluorescenti di classe A, purché alloggiate in apparecchi illuminanti ad alto rendimento ottico, di almeno il 60 per cento
  • per la sostituzione negli ambienti esterni di apparecchi illuminanti dotati di lampade a vapori di mercurio con apparecchi illuminanti ad alto rendimento ottico, maggiore o uguale all'80 per cento, dotati di lampade a vapori di sodio ad alta o bassa pressione o di lampade a ioduri metallici
  • per l'installazione in ambienti interni o esterni di regolatori del flusso luminoso.

L'agevolazione spetta soltanto ai soggetti che esercitano attività d'impresa nel settore del commercio, e può essere usufruita nei due periodi di imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre del 2006.
Tuttavia, precisa il comma 355, nella determinazione dell'acconto dovuto ai fini dell'imposta sul reddito, per il secondo e terzo anno successivi a quello in corso al 31 dicembre 2006, non si tiene conto di tale deduzione.

2. Sostituzione di frigoriferi e congelatori
Il comma 353 della Finanziaria riconosce una detrazione dall'imposta lorda del 20 per cento delle spese sostenute, e documentate, fino al 31 dicembre del 2007, per la sostituzione di frigoriferi, congelatori e loro combinazioni con analoghi apparecchi di classe non inferiore ad A+.
La detrazione spetta in un'unica rata, fino a un valore massimo di 200 euro per ogni apparecchio.

3. Acquisto e installazione di motori a elevata efficienza di potenza elettrica
E' possibile detrarre dalla imposta lorda, in un'unica rata, il 20 per cento del costo di acquisto e di installazione di motori a elevata efficienza di potenza elettrica, compresa tra 5 e 90 Kw.
La detrazione, entro un valore massimo di 1.500 euro per motore, spetta per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2007 (il beneficio è previsto dal comma 358).

4. Acquisto e installazione di variatori di velocità (inverter)
E' riconosciuta, ai sensi del comma 359, una detrazione del 20 per cento dall'imposta lorda dovuta anche a chi acquista o installa variatori di velocità su impianti di potenza elettrica compresa tra i 7,5 e 90 Kw. L'agevolazione è usufruibile in una sola rata per le spese sostenute entro il 31 dicembre del 2007, fino a un valore massimo della detrazione di 1.500 euro per intervento.
Con decreto del ministro dello Sviluppo economico, di concerto con quello dell'Economia e delle Finanze, sono stabilite le caratteristiche tecniche dei motori ad alta efficienza e dei variatori di velocità, nonché le modalità applicative ai fini del controllo del rispetto delle disposizioni in materia di ritiro degli impianti sostituiti.

5. Acquisto di televisori digitali
E' un'agevolazione prevista dal comma 357, non per ottenere risparmi energetici, ma per favorire il rinnovo del parco apparecchi televisivi in vista della migrazione della televisione analogica a quella digitale. Consiste nel poter detrarre dall'imposta lorda il 20 per cento dei costi, fino a un ammontare massimo di spesa di 1.000 euro, sostenuti entro il 31 dicembre del 2007, per l'acquisto di un apparecchio televisivo dotato anche di sintonizzatore integrato digitale.
Entro il 28 febbraio 2007 saranno stabilite, con decreto del ministro delle Comunicazioni, di concerto con il ministro dell'Economia e delle Finanze, le caratteristiche tecniche cui devono rispondere gli apparecchi ammessi all'agevolazione.
Il beneficio è fruibile soltanto a condizione di essere in regola con il pagamento del canone di abbonamento Tv per l'anno 2007.
Ai fini della determinazione dell'acconto dovuto per l'anno successivo, tale detrazione non deve essere considerata.


I commi della Legge finanziaria 2007 sul risparmio energetico  

Edifici esistenti

344 Per le spese documentate, sostenute entro il 31 dicembre 2007, relative ad interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, che conseguono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20 per cento rispetto ai valori riportati nell’allegato C, numero 1), tabella 1, annesso al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, spetta una detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 55 per cento degli importi rimasti a carico del contribuente, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro, da ripartire in tre quote annuali di pari importo. 


Tabella 1. Valori limite per il fabbisogno annuo di energia primaria per la climatizzazione invernale per metro quadrato di superficie utile dell'edificio espresso in kWh/m2 anno

Rapporto di forma dell'edificio S/V

Zona climatica

A

B

C

D

E

F

fino a 600 GG

da 601 GG

a 900 GG

da 901 GG

a 1400 GG

da 1401 GG

a 2100 GG

da 2101 GG

a 3000 GG

oltre 3000 GG

 min_ug.gif (123 byte)0,2

10

10

15

15

25

25

40

40

55

55

 mag_ug.gif (175 byte)0,9

45

45

60

60

85

85

110

110

145

145

 

Edifici esistenti (strutture opache e finestre)

345 Per le spese documentate, sostenute entro il 31 dicembre 2007, relative ad interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, spetta una detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 55 per cento degli importi rimasti a carico del contribuente, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro, da ripartire in tre quote annuali di pari importo, a condizione che siano rispettati i requisiti di trasmittanza termica U, espressa in W/m2K, della Tabella 3 allegata alla presente legge. 

zona climatica 

Strutture opache
verticali 

strutture opache orizzontali

Finestre comprensive
 di infissi

pavimenti *

copertura *

A

0,72 0,42  0,74 5
B 0,54  0,42  0,55 3,5
C 0,46  0.42 0,49 3
D 0,40 0,35 0,41 2,8
E 0,37  0,32  0,38 2,5
F 0,35  0,31  0,36 2,2

* Erronea inversione dei valori pavimenti e copertura

Pannelli solari

346 Per le spese documentate, sostenute entro il 31 dicembre 2007, relative all’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università, spetta una detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 55 per cento degli importi rimasti a carico del contribuente, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro, da ripartire in tre quote annuali di pari importo. 

Caldaie a condensazione

347 Per le spese documentate, sostenute entro il 31 dicembre 2007, per interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione, spetta una detrazione all’imposta lorda per una quota pari al 55 per cento degli importi rimasti a carico del contribuente, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro, da ripartire in tre quote annuali di pari importo. 

348. La detrazione fiscale di cui ai commi 344, 345, 346 e 347 è concessa con le modalità di cui all’articolo 1 della legge 27 dicembre 1997, n. 449, e successive modificazioni, e alle relative norme di attuazione previste dal regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 18 febbraio 1998, n. 41, e successive modificazioni, semprechè siano rispettate le seguenti ulteriori condizioni:
a) la rispondenza dell’intervento ai previsti requisiti è asseverata da un tecnico abilitato, che risponde civilmente e penalmente dell’asseverazione;
b) il contribuente acquisisce la certificazione energetica dell’edificio, di cui all’articolo 6 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, qualora introdotta dalla regione o dall’ente locale, ovvero, negli altri casi, un « attestato di qualificazione energetica », predisposto ed asseverato da un professionista abilitato, nel quale sono riportati i fabbisogni di energia primaria di calcolo, o dell’unità immobiliare ed i corrispondenti valori massimi ammissibili fissati dalla normativa in vigore per il caso specifico o, ove non siano fissati tali limiti, per un identico edificio di nuova costruzione. L’attestato di qualificazione energetica comprende anche l’indicazione di possibili interventi migliorativi delle prestazioni energetiche dell’edificio o dell’unità immobiliare, a seguito della loro eventuale realizzazione. Le spese per la certificazione energetica, ovvero per l’attestato di qualificazione energetica, rientrano negli importi detraibili. 

349. Ai fini di quanto disposto dai commi da 344 a 350 si applicano le definizioni di cui al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, da adottare entro il 28 febbraio 2007, sono dettate le disposizioni attuative di quanto disposto ai commi 344, 345, 346 e 347.

Modifica Art. 4 del D.P.R. 380/01

350 All’articolo 4 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, dopo il comma 1 è inserito il seguente:« 1-bis. Nel regolamento di cui al comma 1, ai fini del rilascio del permesso di costruire, deve essere prevista l’installazione dei pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica per gli edifici di nuova costruzione, in modo tale da garantire una produzione energetica non inferiore a 0,2 kW per ciascuna unità abitativa». 

Edifici ad altissima efficienza

351 Gli interventi di realizzazione di nuovi edifici o nuovi complessi di edifici, di volumetria complessiva superiore a 10.000 metri cubi, con data di inizio lavori entro il 31 dicembre 2007 e termine entro i tre anni successivi, che conseguono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per metro quadrato di superficie utile dell’edificio inferiore di almeno il 50 per cento rispetto ai valori riportati nell’allegato C, numero 1), tabella 1, annesso al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, nonchè del fabbisogno di energia per il condizionamento estivo e l’illuminazione, hanno diritto a un contributo pari al 55 per cento degli extra costi sostenuti per conseguire il predetto valore limite di fabbisogno di energia, incluse le maggiori spese di progettazione.

352. Per l’attuazione del comma 351 è costituito un Fondo di 15 milioni di euro per ciascuno degli anni del triennio 2007- 2009. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, sono fissate le condizioni e le modalità per l’accesso e l’erogazione dell’incentivo, nonche´ i valori limite relativi al fabbisogno di energia per il condizionamento estivo e l’illuminazione.

353 Per le spese documentate, sostenute entro il 31 dicembre 2007, per la sostituzione di frigoriferi, congelatori e loro combinazioni con analoghi apparecchi di lasse energetica non inferiore ad A+ spetta una detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 20 per cento degli importi rimasti a carico del contribuente, fino a un valore massimo della detrazione di 200 euro per ciascun apparecchio, in un’unica rata.

354 Ai soggetti esercenti attività d’impresa rientrante nel settore del commercio che effettuano interventi di efficienza energetica per l’illuminazione nei due periodi d’imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2006, spetta una ulteriore deduzione dal reddito d’impresa pari al 36 per cento dei costi sostenuti nei seguenti casi:
a) sostituzione, negli ambienti interni, di apparecchi illuminanti con altri ad alta efficienza energetica, maggiore o uguale al 60 per cento;
b) sostituzione, negli ambienti interni, di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti di classe A purchè alloggiate in apparecchi illuminanti ad alto rendimento ottico, maggiore o uguale al 60 per cento;
c) sostituzione, negli ambienti esterni, di apparecchi illuminanti dotati di lampade a vapori di mercurio con apparecchi illuminanti ad alto rendimento ottico, maggiore o uguale all’80 per cento, dotati di lampade a vapori di sodio ad alta o bassa pressione o di lampade a ioduri metallici;
d) azione o integrazione, in ambienti interni o esterni, di regolatori del flusso luminoso.

 

Recupero Patrimonio Edilizio

387 Sono prorogate per l’anno 2007, per una quota pari al 36 per cento delle spese sostenute, nel limite di 48.000 euro per unità immobiliare, ferme restando le altre condizioni ivi previste, le agevolazioni tributarie in materia di recupero del patrimonio edilizio relative:
a) agli interventi di cui all’articolo 2, comma 5, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni, per le spese sostenute dal 1° gennaio 2007 al 31 dicembre 2007;
b) alle prestazioni di cui all’articolo 7, comma 1, lettera b), della legge 23 dicembre 1999, n. 488, fatturate dal 1° gennaio 2007.

388  Le agevolazioni di cui al comma 387 spettano a condizione che il costo della relativa manodopera sia evidenziato in fattura.


 Stampa   
Copyright (c) 2000-2006